L’Autovalutazione – IIS J.C. Maxwell
Ultima modifica: 21 gennaio 2016

L’Autovalutazione

In conformità con quanto prescritto dal d.p.r. 80/2013, ogni istituto redige periodicamente un Rapporto di Autovalutazione (RAV) che fornisca una rappresentazione della scuola attraverso un’analisi del suo funzionamento e che costituisca inoltre la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare un piano di miglioramento. Ovviamente ogni autovalutazione deve basarsi su dati il più possibili precisi e comparabili; per questo primaria importanza verrà data alla raccolta corretta dei dati acquisibili con le rilevazioni dell’INVALSI, ai fini di valutare gli apprendimenti nelle materie coinvolte nella somministrazione.

Il nostro istituto ha ritenuto di collocare priorità e traguardi di tale rapporto nella parte relativa agli esiti degli studenti, indicando rispettivamente il miglioramento degli esiti di apprendimento e l’aumento della media dei voti delle classe, il contemporaneo incremento della percentuale di promossi e la diminuzione della percentuale di giudizi sospesi .

Per realizzare tali priorità e traguardi sono stati individuati i seguenti obiettivi di processo:

  1. Incrementare i momenti di confronto tra docenti della stessa disciplina e tra coordinatori di settore al fine di monitorare il percorso curricolare.
  2. Confezionare prove comuni da sottoporre a classi parallele e da valutare con gli stessi criteri.

Infatti, aumentando il confronto tra docenti della stessa disciplina e tra coordinatori dei diversi indirizzi, si possono, attraverso un’attenta analisi dei risultati degli studenti nelle diverse prove che vengono loro somministrate – in particolare del biennio (laddove il problema degli apprendimenti è maggiore) – riprogrammare i test d’ingresso, le prove parallele, (intermedie e finali), riorganizzare la programmazione di ciascuna disciplina e rivedere la metodologia didattica in modo da potersi aiutare concretamente tra colleghi nel tentativo di elevare il livello di apprendimento.

La fotografia del risultato, operata con la stesura del RAV, risulta sterile se essa non è la base di partenza per pensare ad un modalità di intervento globale al fine di affrontare le priorità e mutare in parte i processi. Per questo sarà di notevole importanza l’applicazione di quanto verrà scritto quest’anno nel Piano di Miglioramento che si può ritenere un allegato al PTOF, in quanto strumento per agevolare il raggiungimento di risultati nella formazione degli studenti.